Anche questa settimana sono felice di tenerti compagnia con un argomento diverso dal Covid 19 che continua ad influenzare la vita e (purtroppo non solo) la nostra società…

La settimana scorsa ho tenuto un webinar organizzato dall’Accademia della Consulenza d’Immagine, Alta Formazione, che ho fondato insieme ad Isabella Ratti, su un argomento che apre una vera e proprio parentesi temporale su questo triste periodo della nostra storia.

Sto parlando delle Nuove Tendenze autunno inverno 2020/2021.

Il fashion month, iniziato a New York il 7 febbraio, in Italia si è concluso a Milano  in un clima piuttosto surreale con le sfilate di Giorgio Armani ed altri tenute a porte chiuse in diretta streaming. Partiva così l’allarme corona virus.  Infatti, la fine delle sfilate ha preceduto di pochissime ore il primo decreto di limitazioni di assembramento per contrastare la diffusione del virus.

Ti chiederai perchè ho parlato di parentesi…bene, le nuove tendenze hanno sfilato appunto tra febbraio e marzo ma potremo “gustarne i frutti” solo dopo la fine della stagione estiva ed indossarli da ottobre in poi…quando, ci auguriamo tutti, il peggio sarà passato e potremo vedere segnali di ripresa! Potrai giustamente obiettare; “ma Ilaria…in questo momento di crisi e “reclusione” ci parli di sfilate e nuove tendenze?”…Ebbene sì!!!! 

Il perchè è semplice…anche se, da sempre, il termine moda viene associato a frivolezza e  superficialità ho voglia di fartela apprezzare dal mio punto di vista. 

La moda, se vissuta non come un’ossessione di possedere questo o quello, può essere definita un vero e proprio dialogo, un linguaggio, una fotografia, un’istantanea del periodo storico, della cultura di un determinato paese o dei comportamenti di una società. Basta pensare a come l’abbigliamento abbia da sempre accompagnato le grandi rivoluzioni e ne sia stato veicolo. 

Vi dirò di più…la moda viene dopo le tendenze, infatti  sono proprio quest’ultime a creala. La moda cambia perché le tendenze non sono statiche e si evolvono a seconda delle stagioni; quello che noi vediamo sfilare nelle grandi città della moda è il frutto di studio e ricerca messa in atto dai cacciatori di tendenze (trend setter o cool hunter). Questi cacciatori di tendenze sono professionisti della moda e della bellezza, della sociologia e dell’antropologia, che  girando il mondo in lungo ed in largo per scovare proprio in mezzo “ai comuni mortali” nuove correnti da cui prendere spunti ed ispirazione. Quando questi professionisti si riuniscono, tutte le informazioni vengono collegate le une alle altre da un filo conduttore!

Iniziamo un po’ ad entrare nel vivo della questione. Questa settimana parliamo dei Colori che saranno i protagonisti del guardaroba della stagione fredda.

E’ d’obbligo una piccola introduzione. Chi decreta il colore dell’anno? Se dico colore dico Pantone.

L’istituto Pantone ha rivoluzionato completamente il linguaggio degli esperti del settore (moda, design, artisti..) introducendo un  sistema di catalogazione delle varie nuance di colori diventato ormai standard internazionale di riferimento. Avere un preciso codice associato in maniera univoca ad una tonalità  ha permesso di poter “parlare la stessa lingua” in tutto il mondo.

Ogni anno Pantone decreta il colore influenzerà lo sviluppo di prodotti in settori come la moda ed il design durante l’anno successivo.

Il Colore dell’anno è :

CLASSIC BLU: Colore freddo intenso ma non particolarmente brillante. Colore non solo della comunicazione (i politici lo sanno bene) ma anche della calma che veicola messaggi di solidità e fiducia.

Nella prossima collezione lo troveremo nelle sue sfumature più scure quasi noir a quelle più chiare e soft ma anche abbinato in maniera elegante con il nero, sofisticato con il viola  o creando forti contrasti con l’arancio (per venire incontro alle palette più calde!!!).

Insomma, il blu nella collezione autunno inverno sarà il grande protagonista in tutte le sue tonalità.

Non sarà solo il blu ad accompagnarci nei mesi invernali. 

FIRED BRICK: fa parte dei marroni ma con una sfumatura più bruciata. Come tutti i marroni rimanda alla terra alimentando sensazioni di confort ed agio. Perfetto per le donne dall’incarnato caldo da abbinare a tutti i colori della terra e delle spezie.

AMBERGLOW: Un altro colore caldo! Fa parte della famiglia dell’arancio ed è il colore della crescita e della voglia di fare…come tutti i suoi “fratelli” è un colore solare ed è amato dalle persone riflessive e sincere. Fantastico se abbinato con il complementare blu oppure in armonia con i verdi ed i marroni. Molto interessante con il Bordeaux.

SAMBA: Fa parte dei rossi, è un colore audace che catalizza l’attenzione, poco adatto all’ambito business essendo un colore individualista; perfetto se presente in un dettaglio o accessorio per esprimere carattere senza eccedere. Dona a chi ha colori molto intensi e lo trovo molto sofisticato se lo si pensa come rossetto.Se vuoi osare, crea forti contrasti abbinandolo con le tonalità di blu. Elegante e chic se accostato a tutte le tonalità speziate.

SANDSTONE: colore morbido e neutro che rimanda alla natura, ha un effetto rilassante. Essendo un neutro è perfetto come base del guardaroba soprattutto per le donne naturalmente rosse di capelli ( da non sottovalutare come colore per l’abito da sposa)…le donne dallo stile classico lo adoreranno. 

GREEN SHEEN: è il colore associato al proprio senso di identità, forte personalità, vivacità, estroversione. Lo amerà sicuramente la donna con uno stile creativo. Nel caso fosse “troppo arrogante” per te, ti consiglio di “smorzarlo” con un grigio profondo o di riservarlo al colore per l’accessorio.

ROSE TAN e PEACH NOUGAT: Non possono mancare due romantici rosa. Il rosa, legato per convenzione alla femminilità, è il colore dell’amore incondizionato della gentilezza verso il prossimo, della dolcezza e dell’ingenuità.  Troppo dolce per te? Abbinalo al blu, al viola o al samba…vedrai che meraviglia.

ULTRAMARINE GREEN: “chi di verde si veste di sua beltà si fida”…me lo diceva sempre mia nonna. Non è un colore che piace a molti. Fa parte dei colori neutri come blu e marrone, evoca calma riflessione e rinnovamento.  Audace con l’ultra violet, d’effetto con il rosso, elegante con il blu nelle sue tonalità più scure, vibrante in monocolore. Sarà perfetto per le donne dai grandi contrasti e con caratteristiche brillanti.

MAGENTA PURPLE: la potenza e la forza del rosso mixato ad arte con la calma del blu; è un colore forte, vivace, intenso e conferisce carattere, personalità e fascino.  Rimada all’opulenza a al benessere economico soprattutto se abbinato al nero, più delicato con il cammello, favoloso con il bianco, irriverente con il fuxia o con i colori fluo.


Non pensare che sia finito qui! La settimana prossima andremo ad analizzare tutti i capi d’abbigliamento che non potranno mancare nel tuo armadio della prossima stagione fredda!

A Presto.