Quando si parla di Dress Code Negoziale non posso fare a meno di prendere in esame un passaggio dell’ultima puntata della popolarissima serie “Le regole del delitto perfetto”. 

Dalla storia infatti affiora una dinamica molto interessante che ci fornisce un ulteriore spunto di riflessione sulla capacità di un outfit di orientare e influenzare una Negoziazione.

Utilizzo da tempo questo video perché trovo che in esso siano racchiusi dei temi centrali relativi al ruolo dell’abbigliamento nella Negoziazione.

Nella scena in esame l’avvocato Annalise Keating  si sta preparando per recarsi a un processo, il più importante, il suo.

Di fronte all’evento che la vede al cospetto di un giudice, la Keating decide di mostrarsi senza “travestimenti”, mostra i muscoli, si priva di possibili sovrastrutture.

Il ruolo dell’abbigliamento in una Negoziazione

Ma è davvero così?

Noi sappiamo bene che l’abbigliamento è tutt’altro che una sovrastruttura, anzi al contrario, se si conoscono certe regole, è un canale potentissimo per veicolare l’autenticità di una persona e gli obiettivi che cerca di raggiungere attraverso un efficace impianto comunicativo.

Mostrare la pelle?

Essere se stessi?

Accentuare la virilità?

Accentuare la femminilità?

Mutuiamo queste quattro domande ispirandoci alla protagonista che prova davanti allo specchio l’outfit per il primo giorno di processo che definisce “il giorno più importante della sua vita”, quello in cui, nel tuo “processo”, dovrai convincere le persone, portarle dalla tua parte, convincerle della tua affidabilità, perché al centro della loro decisione …  ci sei tu.

Alle giurie piacciono gli alfa?

Sono così diversi gli alfa dall’immagine della vittima?

Si arricchisce il repertorio di domande che mette in luce aspetti fondamentali sul ruolo dell’immagine e dunque dell’abbigliamento in un processo negoziale, in qualunque settore.

 

Le regole della Negoziazione

La Negoziazione si articola in molte dinamiche, ma c’è una legge a cui deve necessariamente sottostare: far prevalere l’obiettivo su qualunque cosa, e adattare ad esso la propria posizione.

Nella Negoziazione l’azione principale consiste nel persuadere l’interlocutore e condurlo con consapevolezza dove si desidera.

Un Dress Code pensato in funzione di una Negoziazione non impoverisce l’immagine individuale in termini di autenticità, anzi la valorizza mettendo in luce tutte le caratteristiche della persona funzionali alla affidabilità, credibilità, autenticità.

Non c’è bisogno di essere all’interno di un processo per trovarsi in una Negoziazione, a dire il vero si tratta di qualcosa che affrontiamo quotidianamente, anche nella vita privata, ma diciamo che, in particolare in ambito professionale, il modo in cui veicoli il tuo messaggio si fa garante dei tuoi obiettivi a vantaggio del tuo business. Questo rende necessario che si seguano dei criteri specifici perché si negozia in una riunione, in una vendita, durante una consulenza, una docenza. Le occasioni sono moltissime, le possibilità di successo possono diventare altrettante se il processo negoziale è gestito con competenza in ogni suo aspetto, verbale e non verbale.

 Secondo il modello di Dress Code Negoziale esistono degli elementi in grado di influenzare una Negoziazione:

età

sesso

competenze/ruolo/potere:

status sociale

Per ognuna di queste aree ci sono dei principi da seguire, per questo fai attenzione a non perdere il prossimo post.