Mi avete scritto in tante!!!!! Avete ragione non esistono solo i tacchi alti (che come ormai avrete capito adoro)

Allora eccovi accontentate.

Oggi parleremo della scarpa “piano terra” come la chiamo io: come, quando e chi può calzarle.

Gladiator Boots: leggeri e comodi, soprattutto se hanno poco tacco. Puoi indossarli con abiti fluenti e leggeri, gonne corte, ma anche lunghe, di lino, in jeans. I modelli con il tacco possono essere molto sexy se indossati con un abitino o dei mini shorts. Si portano con look semplice ,casual o smart casual. Adatti a chi può permettersi di “tagliare” la gamba quindi per le donne un po’ altine o con una gamba slanciata.

 

Mocassini: una validissima e raffinata alternativa alle ballerine. Queste scarpe  originariamente riservate  all’uomo hanno la linguetta che copre quasi tutto il collo del piede. Sono comode, leggere e flessibili. Ideali per i pomeriggi e le mattine con degli short. Ma vanno bene anche con i pantaloni e gonne corte ( solo se hai una gamba che non abbia la specifica necessità di essere slanciata). Adatte alle diverse occasioni chic ed eleganti ma sempre nell’ambito smart casual. Li adoro!

Oxford : un’altra validissima alternativa alle ballerine, anch’esse provenienti dalla scarpiera maschile, presentano dei lacci e sono traforate. Risultano eleganti e classiche e sono perfette anche  la sera abbinate a  pantaloni eleganti. Non solo:  sono splendide anche con gonne sopra il ginocchio. E’ una scarpa da utilizzare nei colori chiari soprattutto di giorno. Vanno bene nella versione classica e monocolore con un look business, nella versione bi-colore e vivace con un look smart casual. Sono belle e sono per tutte.

Monk: è una scarpa dallo stile classico e si può trovare anche scamosciata. Non ha allacciature, ma una fibbia. Le Monk sono adatte per molte occasioni , per uno stile pratico ma impeccabile,  si adattano perfettamente al talleur con  pantaloni a sigaretta o dritti quindi per un dress code business.

 

Ballerine: Qui apro una parentesi assolutamente soggettiva perchè proprio non mi piacciono, dal mio punto di vista mortificano qualsiasi tipo di corpo e non riesco a trovare nessun motivo per acquistarle se non per la comodità raccontata da chi le ha nella scarpiera. Credo fortemente che esistano mille altri modelli altrettanto comodi da tenere in considerazione. Ritengo che siano perfette per tutte coloro che fanno danza, non a caso si chiamano “ballerine”. E con questo passo e chiudo!

 

Spero vi sia piaciuto l’articolo…io rimango comunque della stessa opinione di Marilyn Monroe:

“Io non so chi abbia inventato i tacchi alti, ma tutte le donne gli devono molto.”

A presto