Finalmente è arrivata la primavera!!! Questa stagione dal clima mite porta con sé una gran voglia di colori, stampe e decori legati alla natura. Gli abiti e i top fiorati la fanno da padrone. Ma come bisogna regolarsi per risultare armonici e coerenti con la propria morfologia? Qual è la dimensione della stampa che ti valorizza di più?

Prima di affrontare il tema delle stampe è d’obbligo una piccola introduzione.

Tutti sanno  che il nero e tutti i colori scuri snelliscono, mentre il bianco e tutti i colori chiari aumentano il volume, canalizzando l’attenzione sulla parte su cui viene posto. In base a questa regola utilizzerai il nero nella parte del corpo da dissimulare, mentre il bianco nella parte del corpo da enfatizzare. Questa regola è vera in parte. Oltre al colore è importante stare attenti alla luminosità del tessuto. Una giacca di seta o raso nera ha un effetto ben diverso da una giacca nera in cotone, per via della diversa luminosità. La seta e il raso sono tessuti lucidi e quindi luminosi, il classico cotone rende il nero opaco.

Quindi, per essere precisi, i colori scuri e opachi riducono i volumi, mentre i colori chiari e brillanti li aumentano.

Bisogna inoltre stare molto attente anche alla temperatura del colore. Infatti tutti i colori freddi sono  astringenti mentre i colori caldi aumentano il volume.

Certo è che non ci si può vestire solo di bianco e di nero.

L’utilizzo e l’abbinamento corretto dei colori può sortire effetti straordinari se si sa come fare.

Vediamo alcuni esempi:

 

Un esempio è quello del tubino Color Block indossato da Kate Winslet. In questo caso il gioco di colori bianco, per la parte centrale, e nero per la parte laterale riduce notevolmente la generose curve. Le bande nere vanno a ridurre il fianco mentre la parte bianca catalizza l’attenzione bilanciando  le proporzioni e sfinando ciò che risulta meno sottile. E’ un accostamento che ha lo stesso risultato anche se si usano colori diversi dal nero e dal bianco.

 

 

Elena Mirò con questo abito (Collezione Autunno Inverno) confondone l’occhio e dissimulano i chili di troppo con dei colori uniformi e le stampe lunghe e asimmetriche .

Questo gioco di colori lo puoi sfruttare per maglie gonne e pantaloni.

Questo stesso effetto lo puoi creare sovrapponendo dei capi. Puoi ad esempio indossare una camicia o un top bianco abbinandolo ad un gilet o un cardigan nero per ridurre il torace e le spalle. Per ottenere l’effetto contrario opta per una camicia o top scuro con su un gilet, cardigan o giacca chiara. Più semplicemente ottieni lo stesso risultato con un foulard al collo lasciato cadere lungo i fianchi.

 

Importante: i motivi e i decori, più sono grandi più catturano l’attenzione, diventando dei focal point. L’occhio del  nostro interlocutore andrà a cadere esattamente dove è posizionata la stampa. Lo stesso effetto lo regala il pizzo. Tutti questi elementi sono catalizzatori, vanno dunque utilizzati con moderazione e solo nelle parti da enfatizzare. Quindi se hai un seno grande oppure l’addome pronunciato ti consiglio di evitare grandi fiori proprio in quella parte. Indossa la stampa nei punti da enfatizzare. Così facendo distrarrai l’occhio dalla parte che vuoi minimizzare.
Per quanto riguarda le stampe, vale la regola della proporzione: ovvero stampa piccola e delicata su un corpo minuto, stampa più grande su un corpo giunonico.

Non mi rimane di augurare una Buona Primavera a tutte!!!

A Presto.