In un mondo che è in continua e rapida evoluzione, nel quale spesso ci si trova disorientati esiste un settore che può diventare il nostro punto fermo, la nostra colonna portante: l’abbigliamento!

Il modo in cui vestiamo è l’unica cosa sulla quale possiamo e dobbiamo avere  il CONTROLLO assoluto. Riflettici, non puoi cambiare la dimensione dei tuoi piedi, la forma delle tue gambe, il colore dei tuoi occhi o la consistenza dei tuoi capelli ma grazie all’abbigliamento puoi “recitate” ogni volta il ruolo giusto perché nessuno di noi è fisicamente impeccabile. (ma può sembrarlo)

Non si tratta di mera apparenza, ma di uno strumento da utilizzare insieme al proprio talento e alle proprie competenze, specialmente quando ci si trova sul posto di lavoro. 

“L’abbigliamento parla un suo linguaggio molto preciso, e non solo ci ‘racconta’ agli altri, ma è anche in grado di condizionare il nostro cervello, e farci comportare secondo il significato simbolico rappresentato da ciò che indossiamo” ( Dott.ssa Karen Pine)

Tutto ciò  è supportato da diversi studi ed  esperimenti condotti negli anni da psicologi e sociologi  come ad esempio la Dott.ssa Karen Pine, docente della University of Hertfordshire, che sostiene  e riconoscere l’abbigliamento come mezzo di comunicazione.

Quindi vestirsi per il successo, per motivare noi stessi oppure semplicemente per comunicare meglio con gli altri, serve. Eccome.

Indossare gli abiti giusti può contribuire a creare il miglior imprinting possibile di se stessi, che poi finisce con il condizionare in modo positivo la vita lavorativa e le relazioni professionali future.

Ad oggi questo concetto si scontra sempre di più con i nuovi bisogni della società dove le persone sono meno sensibile ai dress code ma più orientati al proprio benessere e alla praticità. Così, in fatto di abbigliamento, si ha un approccio che tende a compattare vita personale e vita lavorativa.

Come si può conciliare, l’orientamento verso la praticità e allo stesso tempo salvaguardare un’immagine che, perlomeno nel campo lavorativo, dovrebbe sempre parlare bene di noi, farci apparire strutturati e competenti, e non dare l’impressione di essere dimessi?

Voglio rassicurarvi sul fatto che seguire un dress code non vuol dire omologarsi ma semplicemente avere uno strumento per rendere al massimo, cioè per far fruttare le nostre competenze e puntare dritto alla nostra realizzazione

 

Ecco i 7 consigli per declinare un’immagine business efficace:

1-Comunicare SERIETA’. il consiglio è di puntare il più possibile su abiti scuri come il nero il blu il grigio, questo look infonde immediatamente maggiore affidabilità nei colleghi e nei responsabili, facendoti sentire più sicura di te 

2-Comunicare SOLIDITA’:  Lo strumento giusto è la giacca, anche in tessuti leggermente elasticizzati o confortevoli, purché la linea delle spalle sia ben definita e la lunghezza delle maniche corretta.Per ogni stile ed ogni morfologia esiste la giacca giusta!

3-Comunicare STABILITA’: Un buon appoggio ed un passo sicuro sono fondamentali! Per farlo utilizza la giusta calzatura; dare preferenza a calzature stringate o stivaletti, sceglietele pure con il tacco se le amate, ma di media altezza purché non sia sottile.

4-Creare il giusto IMPATTO:  In questo ti aiuteranno gli accessori; come? Scegline uno chiave che possa aiutare a definirti al meglio anche quando indossi capi formali 

5-Esprimi un’ IDENTITA’ chiara! decidi prima cosa vuoi trasmettere agli altri attraverso il tuo abbigliamento o trova il modo per avvicinarti all’ identita’ dell’azienda per farlo può essere utile riflettere sulla brand identity aziendale quindi documentati sui valori aziendali e sui colori del marchio!

6-esprimere SICUREZZA: Valorizza la tua immagine con i modelli  e colori giusti e cura il viso, dal taglio di capelli, al make up tutto deve essere ordinato e sobrio.

7-Sentirsi a proprio AGIO: “ Non ti sentirai mai a tuo agio nei panni di un’altra persona”.

Non investire in abiti che siamo sorprendentemente diversi da voi stessi o dagli altri ma in quelli che siano intrinsecamente più fini. L’aspetto che vuoi far tuo nell’ascesa al successo deve essere in armonia con il Dove sei e con il Dove vuoi andare

Agli scettici e ai teorici del “Non serve vestirsi da ufficio, guarda Zuckerbeg o Steve Jobs”, che prendono in considerazione il look ‘casual’ in ambito business di queste illustri eccezioni Ricordiamo , appunto, che sono eccezioni.

C’è sempre tempo per poter capire, una volta entrati in azienda se all’interno della stessa è ammesso un dress code Smart casual, prima di buttarti osserva i tuoi superiori e ricordati che per non sbagliare il business dress code è la soluzione.

Ricordati:

Meglio eccedere nell’eleganza che nella sciatteria!

 

Foto dell’artista e stilista russo  Konstantin Bogomolov.